PROSSIMA RIUNIONE

Il CLU si riunisce
GIOVEDI’ 5 LUGLIO 2018
ORE 18:00
PRESSO IL COMITATO DI QUARTIERE DELL’ALBERONE
Via Appia Nuova 357

COMMISSIONE SANITA’

Prosegue la diffusione del vademecum per evitare le liste di attesa, che si invita a diffondere in ogni dove.
Sono stati effettuati un’incontro di approfondimento con la ASL RM6 (leggi il comunicato stampa) in attesa di un nuovo incontro con il Direttore Sanitario fissato per il 12 luglio, e un’incontro con la ASL RM4 (a breve il comunicato stampa). Si aprono dunque delle possibilità di approfondimento delle problematiche territoriali della sanità oltre che al possibilità di uno sviluppo di relazioni fra il Coordinamento Cittadino Sanità e gli amministratori della sanità sul territorio volto alla sollecitazione di interventi e investimenti pubblici a garanzia della salute delle persone presenti sul nostro territorio.
Si segnala una circolare della neo Ministra della Salute Giulia Grillo inviata alle Regioni con richiesta di informazioni articolate su sei punti: tre focalizzati sull’attività ordinaria, tre sulle misure di controllo dell’intramoenia. Le Regioni hanno 15 giorni per rispondere. Sulla base di queste risposte verrà aggiornato il piano nazionale liste di attesa. Da seguire perché si intreccia con la campagna che abbiamo iniziato con il vademecum.
Si segnala un cambio di appalto al Policlinico Umberto I che nei prossimi due anni porterà, in modo progressivo, al licenziamento dei circa 800 lavoratrici e lavoratori attualmente occupati in appalto che, al contrario, sarebbe necessario assumere per le esigenze dell’ospedale e per l’esperienza accumulata negli anni. Al riguardo è stata effettuata una assemblea con un conseguente comunicato.
Si segnala infine che si è costituito il Coordinamento delle Assemblee dei Consultori della ASL RM2 che sta preparando un documento rivendicativo sui Consultori.
Prossima riunione lunedì 9 luglio ore 17 auletta del Policlinico. Per chi volesse approfondire tutti i dettagli sulla pagina del Coordinamento Cittadino Sanità.

COMMISSIONE ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

Stante la chiusura delle scuole si lavora principalmente a impostare il lavoro per la ripresa dell’anno scolastico.
Il 21 giugno è stata però effettuata una partecipata assemblea sul licenziamento della maestra Lavinia Flavia Cassaro, avvenuto il 7 giugno ad opera dell’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, per le proteste espresse durante un presidio antifascista a Torino nel febbraio 2018 contro le forze dell’ordine che, in assetto antisommossa, proteggevano un comizio dell’organizzazione neofascista Casapound.
Sono in preparazione comunicato ed iniziative.

REPRESSIONE DI LAVORATRICI E LAVORATORI

L’episodio di Lavinia Flavia Cassaro si inserisce in un quadro di imbarbarimento della regolazione dei rapporti di lavoro nel sistema capitalistico in atto da tempo, favorita dallo stato dei rapporti di forza tra lavoratori e Capitale, che ha prodotto repressione anche in altri settori lavorativi come ad esempio nella Sanità, dove sono stati sospesi una lavoratrice e un lavoratore dello Spallanzani e sono state mosse contestazioni disciplinari a tre lavoratori del policlinico Umberto I che denunciano le condizioni dell’assistenza sanitaria e lottano per ottenere condizioni di lavoro migliori e conseguentemente per migliorare il servizio.
Tutte contestazioni per opinioni espresse al di fuori dell’orario di lavoro.
Questa fase repressiva, manifesta già dai Governi Renzi e Gentiloni, ha avviato un attenta riflessione nel CLU.

ULTIM’ORA

Proprio mentre si cominciano a sviluppare confronti con le ASL è stato consegnato l’esito delle contestazioni ai tre lavoratori del Policlinico: Luigi procedimento archiviato, Sandro rimprovero scritto, Peppe tre mesi di sospensione senza stipendio.
Assistiamo dunque all’ennesimo atto repressivo contro chi si batte per la sanità pubblica. Allo stesso tempo questi tentativi di repressione dimostrano che il tentativo è quello di cucire la bocca a chi protesta per cui la risposta migliore sarà la prosecuzione delle lotte.
A breve sul sito comunicati al riguardo.

Share This