PROSSIMO APPUNTAMENTO
La prossima riunione del CLU è fissata per
Martedì 22 maggio 2018 ALLE ORE 18
PRESSO Comitato di Quartiere Alberone
via Appia Nuova, 357

APPALTI E INTERNALIZZAZIONE
Le lavoratrici ALMAVIVA exGSE e exALMAVIVA hanno recuperato i riferimenti normativi e tanti dati globali ai fini dello studio dell’argomento appalti e internalizzazioni. Appena possibile invieranno al gruppo CLU una ipotesi di schema di documento da sottoporre al confronto.
Inoltre si potrebbero prendere, come esempi da approfondire e analizzare e inserire nel documento, alcune note vertenze, ad esempio quella dell’ospedale S. Andrea. Si è proposto di inserire nel documento anche una percentuale sugli infortuni sul lavoro per fare delle elaborazioni riguardo alle casistiche che coinvolgono i lavoratori di appalti esterni.
Si accetteranno aiuti dai componenti del CLU per la preparazione del documento.

ALMAVIVA EX GSE
Le lavoratrici e i lavoratori proseguono con le mobilitazioni, che sono state ridotte. L’assistenza telefonica è stata riavviata quasi completamente per evitare problemi legali. Si sta cercando di riaprire il tavolo sindacale per la prossima settimana. L’azienda intanto sta inviando lettere di richiamo a chi sfora anche solo di un minuto le pause di legge per i videoterminalisti.
Continua anche l’impiego dei venti lavoratori che sono stati formati nella sede di Napoli, che ora si occupano anche di rispondere alle e-mail. Si dice inoltre che direttamente GSE stia per erogare altri servizi. Anche se i lavoratori sono sicuri per il fatto che GSE non può chiudere la loro commessa, sono preoccupati per la situazione e per il progetto che sta portando avanti l’azienda.
Soddisfazione per la partecipazione al pranzo sociale del 13 maggio a Casale Alba 2 per organizzare una cassa di resistenza a sostegno degli scioperi GSE.

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO
Come previsto, venerdì 4 maggio si è svolta una riunione con un gruppo di studenti in zona Prenestina. Erano presenti ragazzi dei licei Virgilio e Ripetta. Continuano le riunioni organizzative con altre realtà che combattono contro l’alternanza e che pensano debba essere abolita.
Il 15 maggio, in piazzale Aldo Moro presso la sede del CNR, si è svolta un’iniziativa organizzata dal CLU assieme a studenti, insegnanti, genitori e lavoratori contro l’Alternanza Scuola Lavoro. All’interno del CNR si teneva un incontro di presentazione del progetto DESCI — Officina sull’A.S .L.. Abbiamo portato la nostra contestazione all’interno ed all’esterno della sede.
Qui puoi consultare Comunicato Stampa, Foto e Volantino distribuito.
Prossimamente verrà svolta una importante assemblea degli studenti contro l’alternanza presso l’università La Sapienza, a cui siamo invitati a partecipare. Appena noti verranno diffusi i dettagli.
Si ricorda che la Commissione ASL ha prodotto due vademecum, uno rivolto agli studenti e uno per i docenti, che sono scaricabili dal sito del CLU e si possono diffondere liberamente.
Anche in Aci Informatica è stato avviato un progetto di ASL. Sono venute a visitare l’azienda tre classi dell’istituto tecnico Armellini. La RSU ha fatto una breve presentazione agli studenti per far capire loro la nocività della alternanza, inoltre ha consegnato ai ragazzi il vademecum della Commissione ASL. Mentre durante la settimana è iniziata l’effettiva alternanza con quattro ragazzi a svolgere un programma di 36 ore totali in azienda. La RSU Aci Informatica – ribadendo la propria assoluta contrarietà all’alternanza scuola lavoro che non è altro che una forma di lavoro gratuito – vigila per verificare che i ragazzi non vengano utilizzati nel processo produttivo ma esclusivamente in un percorso formativo.

INIZIATIVA LAVORATORI AMA
E’ stata illustrata una iniziativa dei lavoratori AMA svolta domenica 13 maggio a Piazza SS. Apostoli a Roma alle ore 11. I lavoratori protestano contro l’organizzazione del lavoro aziendale che li obbliga a lavorare solo la domenica e i giorni festivi.
Il CLU è stato invitato a partecipare alla manifestazione per dare sostegno.

SANITA’
La Commissione Sanità del CLU partecipa alle riunioni del Coordinamento Cittadino Sanità (in breve CCS) che si svolgono tutti i lunedì alle ore 17 presso l’auletta delle lavoratrici e dei lavoratori del Policlinico.
L’iniziativa del CCS del 3 maggio u.s. riguardo all’inaugurazione del murales all’ospedale Spallanzani è andata molto bene. E’ riuscita nell’intento di “infastidire” le autorità dell’ospedale e della regione e – al di là di una ingiustificata presenza di poliziotti – i lavoratori e le lavoratrici del CCS hanno anche avuto spazio su vari organi di informazione. La dott.ssa Branca ha rilasciato anche una intervista, da cui era evidente il rosicamento per l’iniziativa del CCS. Qui puoi vedere tutti i dettagli della giornata.

Il CCS ha prodotto un vademecum per Evitare le Liste di Attesa ed è scaricabile dal sito del CLU, che è attualmente l’unico sito utilizzabile. In sintesi, nel vademecum si informa il cittadino che se ha necessità di effettuare urgentemente una visita e non riesce a prenotarla presso una struttura pubblica per via delle liste di attesa molto lunghe, può richiedere di effettuare la prestazione in intramoenia pagando solo il ticket, come dice una legge del 1998. Uno dei problemi emersi è anche che è difficile farsi barrare sulla ricetta il codice di urgenza da parte del medico, spesso non viene selezionato. Si sta organizzando una serie di volantinaggi e presentazioni presso varie strutture territoriali per una massima diffusione possibile del vademecum e siamo invitati a partecipare.
La campagna di volantinaggi inizia con i seguenti appuntamenti:
– martedì 15 maggio ore 7:45 presso il CUP di via Cartagine 85
– giovedì 17 maggio ore 8:00 presso il CUP del Policlinico Umberto I
Sono state già contattate varie strutture territoriali e nella prossima settimane ci saranno i primi incontri con le stesse per presentargli il nostro progetto “liste di Attesa”.
La privatizzazione del servizio sanitario va contrastata, sappiamo per esempio che in Toscana stanno risolvendo il problema delle lunghe liste di attesa dirottando le persone verso strutture private e chi sostiene i costi è la ASL.
Abbiamo parlato anche dei risvolti negativi dei fondi sanitari privati, come Mètasalute, che hanno come iscritti un notevole numero di lavoratori.
E’ stata illustrata inoltre una iniziativa che si svolgerà a Firenze il 26 maggio. Si tratta di una assemblea organizzata dal Coordinamento Toscano Diritto alla Salute contro la privatizzazione della sanità, per le assunzioni e per il miglioramento del servizio pubblico.
E’ quindi una iniziativa molto interessante e alcuni del CCS andranno per partecipare, anche per avere contatti con strutture a livello nazionale.
Riguardo all’esito dei provvedimenti disciplinari dei tre lavoratori del Policlinico, non ci sono novità a parte che sono stati rinnovati i componenti del consiglio di disciplina del Policlinico e si sta approfondendo la questione con un avvocato per capirne i risvolti.
E’ stato fatto un resoconto dal CCS riguardo alle mobilitazioni in atto per contrastare la chiusura dei consultori nella ASL RM2. Emerge inoltre che nei consultori prevale la parte che segue le varie fasi della maternità a discapito degli altri tipi di assistenza. A 100celle aperte si sta riunendo l’assemblea delle donne e il CCS sta partecipando portando anche come esempio l’esperienza che si è avuta nel territorio dei castelli. L’assemblea delle donne è molto attiva e stanno seguendo anche tutti i risvolti legali per una loro piena operatività. Inoltre hanno avviato dei contatti per ora informali con Marta Bonafoni consigliera della giunta Zingaretti, con la prospettiva di ottenere un incontro formale alla Regione Lazio.
Prossimo appuntamento del CCS: lunedì 21 maggio ore 17 presso l’auletta lavoratrici e lavoratori del Policlinico

LIBERTA’ DI SCIOPERO
Il CLU ha approvato la versione definitiva del Documento di Analisi sulla Libertà di Sciopero, preparato dalla Commissione del CLU. Ti invitiamo a leggerlo a questo indirizzo.
Inoltre il prossimo 18 maggio vi sarà un presidio indetto da vari sindacati di base a Montecitorio contro gli interventi che la commissione di garanzia sta realizzando a danno della libertà di sciopero, in primo luogo nel settore del trasporto. Il CLU parteciperà al presidio con un volantino che puoi consultare qui.
Infine gli stessi sindacati di base hanno indetto uno sciopero generale di trasporto e logistica per il prossimo 8 giugno ma la commissione di garanzia è intervenuta pesantemente per limitare tale sciopero e dunque bisognerà vedere cosa decidono di fare i promotori.

Share This