Ottenere una visita medica o un esame specialistico in tempi brevi è diventato molto difficile perché siamo tutti costretti a fare i conti con liste di attesa molto lunghe. Questo costringe spesso chi ha necessità di cure a doversele pagare (privato o intramoenia) o a rivolgersi al Pronto Soccorso.

Esiste però un’alternativa stabilita da una legge del 1998: utilizzare l’intramoenia pagando solo il ticket. Sono in pochi a saperlo, perché le istituzioni si guardano bene dal dirti come fare.

Con questo Vademecum te lo spieghiamo in tre facili passi.

Ci teniamo a precisare che questa campagna per evitare le liste di attesa non ha la finalità di spostare l’assistenza sanitaria dal pubblico all’intramoenia.

Il potere politico sta cercando di strumentalizzare il grave problema delle liste di attesa per spostare ulteriori fondi pubblici a vantaggio di soggetti privati della sanità; come vediamo realizzarsi proprio in questi giorni in Toscana e già si parla di adottare lo stesso sistema anche qui nel Lazio.

Quello che al contrario vogliamo dimostrare è che se le strutture pubbliche fossero pienamente utilizzate, non ci sarebbe il problema delle liste di attesa.

Per farlo c’è bisogno di assunzioni nella sanità pubblica, a cominciare dai tanti lavoratori precari che da anni vengono utilizzati negli ospedali a condizioni economiche e normative disumane.

Inoltre c’è bisogno di ampliare i servizi sanitari territoriali, perché non si può costringere un cittadino che ha bisogno di cure a fare decine di chilometri per potersi curare.

Insomma vogliamo una sanità pubblica gratuita universale e umanizzata.

L’auspicio è che aumentino sempre più le mobilitazioni su questi temi, a cominciare da questa campagna.

INIZIATIVE DI DIFFUSIONE

mar 22/5/2018 – Presidio Integrato S.Caterina – Via Forteguerri 4 – Volantinaggio

gio 17/5/2018 – CUP Policlinico Umberto I – Volantinaggio

mar 15/5/2018 – CUP ASL RM2 – Via Cartagine 85 – Volantinaggio

Share This