Mercoledì 28 Novembre si è tenuta la prima udienza del ricorso che la lavoratrice e il lavoratore dello Spallanzani, sospesi per 4 mesi, hanno presentato contro l’Istituto al tribunale civile di Roma.

La mattina, sotto il tribunale, una quarantina di solidali hanno manifestato la loro vicinanza politica e solidarietà ai due lavoratori.

Durante l’udienza il giudice ha proposto una conciliazione tra le due parti, ritenendo che le affermazioni dei due lavoratori erano da contestualizzarsi nell’ambito di una protesta verso personaggi politici della Regione, responsabili dei tagli al Sistema Sanitario Pubblico e della carenza di organico, che quel famoso 30 maggio 2017 sarebbero venuti a festeggiare gli 80 anni dell’Istituto Spallanzani.

Secondo il giudice, non c’era l’ intenzione dolosa di voler diffamare l’azienda, almeno non così grave da infliggere 4 mesi di sospensione dal lavoro senza retribuzione. Pertanto il giudice ha indicato in 10 giorni, la sanzione massima entro cui trovare una conciliazione non potendosi ritenere accettabile nulla più.

L’udienza è stata quindi rimandata al 9 Gennaio, data in cui le parti in causa dovranno esprimersi sul fatto se accettare la proposta oppure rifiutare e proseguire ancora nel giudizio.

Il parere del giudice ci dimostra chiaramente come la sospensione di 4 mesi, che i lavoratori hanno già “scontato” lo scorso anno, è stato un atto estremamente repressivo che aveva come unico scopo quello di creare un clima di paura e immobilismo politico/sindacale, colpendo chi aveva avuto il coraggio di dichiarare quali fossero le condizioni precarie di lavoro e la progressiva limitazione dei diritti.

In un periodo in cui i tribunali emettono spesso sentenze contrarie e molto dure per i lavoratori, quello di ieri ci sembra già un grande risultato.

E’ chiaro, però, che la decisione se andare avanti nel percorso giudiziario sarà una scelta che il lavoratore e la lavoratrice dello Spallanzani analizzeranno minuziosamente e condivideranno con tutt@ quei lavoratori e quelle lavoratrici che fino ad oggi hanno portato avanti, insieme a loro, una lotta ostinata contro i soprusi e gli abusi di potere dei dirigenti.

29 Novembre 2018
Coordinamento lavoratori e lavoratrici Spallanzani
Coordinamento Cittadino Sanità

Share This